Ecco perchè piangere fa bene al corpo e alla mente

Piangere quando siamo felici, tristi, arrabbiati, frustrati e commossi… ma perché? Abbiamo analizzato perchè un pianto liberatorio (e consolatorio), fa davvero bene a corpo e mente.

Film commoventi, eventi stressanti a casa o al lavoro e persino buone notizie come un matrimonio o un bambino, potrebbero portare a esplodere. A volte, devi solo lasciar scorrere le lacrime. Ma potresti non sapere che il pianto può avere un grande effetto sul tuo corpo e sulla tua mente: ecco come.

Piangere allevia lo stress

Gli esseri umani sono l’unica specie a piangere per le emozioni, ma gli scienziati ancora non sanno esattamente come l’atto fisico del pianto sia collegato ai nostri sentimenti. Perché piangiamo quando siamo tristi (e a volte felici)? Uno dei vantaggi del piagnucolio potrebbe essere che aiuta ad alleviare la tensione fisica di sentirsi sconvolti. Sembra che il pianto inizi subito dopo il picco dell’eccitazione fisiologica quando l’attività simpatica inizia a diminuire. E l’attività parasimpatica aumenta, contribuendo a riportare il corpo all’omeostasi. In altre parole, il pianto si verifica quando il nostro corpo ritorna da uno stato di eccitazione a uno stato calmo.

Piangere migliora l’umore

Nei sondaggi, circa i due terzi delle persone generalmente riferiscono di sentirsi meglio dopo aver pianto. È probabile che le persone riferiscano in modo eccessivo o ricordino male questi benefici del pianto. Perché quando si provoca il pianto in un ambiente controllato di laboratorio, non è così chiaro che faccia sentire meglio le persone. Quindi sì, piangere aiuta il nostro umore, solo meno di quanto comunemente crediamo.

Piangere a volte ti fa sentire peggio

Piangere nel posto sbagliato al momento sbagliato o in presenza di persone che reagiscono negativamente al tuo pianto può sicuramente farti sentire peggio. Inoltre, sebbene il pianto possa farci sentire meglio a lungo termine, gli studi dimostrano che gli effetti immediati del pianto possono effettivamente peggiorare il nostro umore. Potrebbe volerci un po’ di tempo prima che gli effetti di miglioramento dell’umore del pianto si manifestino.

Piangere migliora la comunicazione

Non sorprende che il pianto negli umani si sia inizialmente evoluto come modo per un bambino di attirare l’attenzione della madre. Da adulti, le persone hanno adattato questa funzione biologica a quella emotiva. Le lacrime degli adulti, come il pianto vocale, trasmettono principalmente il messaggio: “Ho bisogno di te, aiutami!”.

Il pianto forgia i legami

Quando comunichiamo con gli altri attraverso le lacrime, stiamo rivelando la nostra vulnerabilità. Piangere è, quindi, un segnale che ci sentiamo vicini a qualcuno, e questo può favorire una risposta empatica e una connessione emotiva. Poiché non ci piace mostrare la nostra debolezza agli estranei, cerchiamo di non piangere davanti a loro, e conserviamo le nostre lacrime per coloro a cui siamo più vicini. 

Piangere ci aiuta a ottenere ciò che vogliamo

Chiunque abbia mai pianto dopo essere stato fermato per eccesso di velocità sa che le lacrime possono essere un modo per provocare una reazione specifica che funziona a nostro favore. Anche se non intendiamo consapevolmente manipolare, il nostro pianto può avere il risultato di neutralizzare la rabbia e far sentire gli altri in colpa o più inclini a piegarsi alla nostra volontà. 

Piangere è una liberazione privata

Se il pianto è uno strumento di comunicazione così importante, perché piangiamo quando siamo soli? Un sondaggio della compagnia aerea Virgin Atlantic, ha mostrato che il 41% degli uomini nascondeva lacrime nelle coperte durante i voli (le donne avevano maggiori probabilità di fingere di avere qualcosa negli occhi). Questo può riportare all’idea del corpo che ritorna a uno stato di riposo attraverso il pianto: dopo una giornata impegnativa o stressante, sei finalmente solo con i tuoi pensieri. 

Piangere può eliminare le tossine

Il biochimico William Frey ha condotto alcune ricerche rivoluzionarie sul pianto alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 che suggeriscono che le lacrime aiutano a liberare il corpo dalle tossine indesiderate. Confrontando le lacrime irritanti [come quelle causate dalle cipolle] con le lacrime emotive, sono state trovate alcune differenze chimiche, come un contenuto più elevato di alcune proteine ​​nelle lacrime emotive. Potrebbe essere dovuto al rilascio di sottoprodotti dello stress.

Il pianto può essere un disinfettante naturale

Un altro dei presunti benefici del pianto è che aiuta a uccidere i batteri. È vero che le lacrime contengono lisozima, una proteina che può distruggere le molecole dannose. Ma prima di pensare che le tue lacrime abbiano poteri curativi come la fenice di Harry Potter, ricorda che gli scienziati devono ancora dimostrarlo definitivamente. 

Le lacrime aiutano i tuoi occhi

Le lacrime inumidiscono gli occhi e li mantengono sani. La funzione biologica delle lacrime è quella di mantenere l’occhio umido e proteggerlo da fumi o detriti che entrano. Le lacrime emotive degli esseri umani sembravano essersi evolute da questo processo biologico di base in qualcosa di più complesso che può verificarsi per ragioni puramente emotive piuttosto che fisiche. Tuttavia, le persone che non sono idratate dalle lacrime possono sviluppare “occhio secco”, che può causare dolore e persino portare alla perdita della vista. Ma piangere troppo può effettivamente irritare gli occhi, motivo per cui diventano rossi e gonfi dopo una sessione di pianto importante. 

Il pianto ha effetti fisici importanti

Piangere non è solo un atto emotivo, è fisico. Singhiozzi strazianti, mal di testa, chiazze di pelle, naso che cola e tremori di tutto il corpo sono solo alcuni degli effetti che il pianto può avere sul tuo corpo. Perché questo accade? Sebbene il pianto possa essere il ponte che porta a uno stato più riposante, nel breve periodo di minuti, ci sono prove evidenti che l’atto del pianto è molto eccitante. Le persone che piangono mostrano frequenze cardiache elevate e aumento della sudorazione. In questo senso, il pianto è un “allenamento” per il corpo.